UNITED WE STAND (IT)

Summit of resistance – Summit of repression – Solidarity is our weapon

Il G20 è passato, ma per noi non c’è motivo di passare all’ordine del giorno.

Più di 100.000 persone di tutte le correnti sono scese in strada per manifestare contro il G20 ad Amburgo. Già nella fase precedente questa resistenza è stata attaccata. Sono stati vietati accampamenti e manifestazioni, sono stati perquisiti appartamenti. Ci sono stati arresti, divieti d’ingresso, alcune persone sono state avvertite che si consideranno come soggetti pericolosi. E poi anche durante le giornate della protesta moltissime persone sono state ferite dalla polizia, centinaia di attivisti e attiviste sono stati/e detenuti/e. 36 persone stanno ancora in custodia cautelare, molti di loro compagni e compagne di altri paesi chi erano venuti/e ad Amburgo per protestare contro il vertice G20.

Nostri/e compagni/e stanno in galera, perché sono scesi/e in piazza insieme a noi contro la politica misantropica del G20 e il suo vertice assurdo qua ad Amburgo. Adesso hanno bisogno di noi e di nostro aiuto! E non ci riferiamo soltanto a quelli ancora detenuti, ma anche alle persone chi saranno colpite della repressione futura. La solidarietà dev’essere molteplice. Si ha bisogno di tantissimi soldi per i processi, ma anche per le relazioni pubbliche. Si ha bisogno dell’appoggio di persone individuali, ma anche è necessario rimanere uniti contro la repressione. Nostro scopo è una campagna di solidarietà internazionale che comprende tutte le correnti politiche e nella quale molte persone possono impegnarsi.

Nonostante tutte le diffamazioni durante e dopo il vertice né le media né le autorità di sicurezza sono riuscite a dividerci. E non ci riusciranno! Questo vertice adesso è terminato, ma nostra lotta per un mondo migliore senza guerra, sfruttamento, oppressione e galere continua. E questa lotta la condurremo insieme ai compagni/alle compagne ancora in carcere.

United we stand!

Che cosa si può fare concretamente:

  • fare delle collette e donare soldi per la gente in galera, per l’assistenza legale, per i processi imminenti, oppure per appoggiare la campagna
  • organizzare incontri d’informazione sulla repressione dopo il vertice G20
  • organizzare dei concerti, delle feste etc. di solidarietà
  • pubbliche relazioni (manifesti, volantini, magliette etc.)
  • manifestazioni e dimostrazioni
  • organizzare appoggio per amiche/amici e familiari
  • scrivere delle lettere

Conti per donazioni:

Per i processi:
Rote Hilfe e.V.
Stichwort “G20”
IBAN: DE25 2605 0001 0056 0362 39
BIC: NOLADE21GOE
Sparkasse Göttingen

Per appoggiare la campagna sul posto:
Rote Hilfe e.V.
Ortsgruppe Hamburg
Stichwort: „United we stand“
IBAN: DE06 2001 0020 0084 6102 03
BIC: PBNKDEFFXXX

Lascia un commento